MARATONA DLES DOLOMITES 2016
LA PIÙ CELEBRE GRANFONDO CICLISTICA EUROPEA

La Maratona compie trent'anni.

È scattata nel 1987 con 166 partecipanti che negli anni si sono moltiplicati fino a raggiungere la quota fissa di 9000. Si tratta di una manifestazione cosmopolita, di un mondo a pedali con tutti i continenti rappresentati: sono 64 le nazionalità da cui provengono i ciclisti sorteggiati fra le oltre 30.000 richieste di adesione pervenute. Del resto il fascino e l'aura che circondano i passi dolomitici non conoscono confini.
La Villa
LOCATION
03.07.2016
DATA
6:00
ORARIO
SPORT
100%
MUSICA E DIVERTIMENTO
80%
BAMBINI
60%
Il giorno fissato per la grande corsa è domenica 3 luglio. Partenza alle 6,30 da La Villa e arrivo a Corvara.

Tre i percorsi in cui si snoda la Maratona: Lungo di 138 km e 4230 mt. di dislivello, Medio di 106 km e 3130 mt. di dislivello e Sella Ronda di 55 km e 1780 mt. di dislivello. Come di consuetudine i mitici passi sono rigorosamente chiusi al traffico.
La Maratona celebra così l'inno incantato della libera strada senza auto, sfoggiando la solita formazione di primissimo rango: Campolongo, Pordoi, Sella, Gardena, Giau, Falzarego e Valparola. Un su e giù mozzafiato e trita gambe che rimarrà indelebile nella memoria di ogni partecipante. Perché la bellezza delle Dolomiti prive di rumore, lamiere debordanti, gas puzzolenti raggiunge con la Maratona vette che rasentano il sublime.

Il Giro d'Italia rende omaggio alla Maratona

Fra le numerose attività celebrative per il 30mo anniversario ne spicca una in modo evidente: il passaggio della carovana rosa sulle strade che hanno reso popolare la gran fondo più famosa d'Europa.

Si tratta di un riconoscimento eccezionale da parte degli organizzatori del Giro verso una manifestazione che in trent'anni ha saputo valorizzare enormemente il binomio Dolomiti/bicicletta, rendendo sempre più importante e strategico il turismo a pedali non solo nelle Dolomiti, ma in tutto l'Alto Adige. I tempi dei passaggi sui vari passi dei corridori saranno comunicati a tutti i partecipanti della Maratona per dare loro la possibilità di misurarsi a distanza con i professionisti lungo le salite che caratterizzano l'evento dolomitico.

Un viaggio lungo trent'anni

Ogni anno la Maratona si lega a un tema preciso. L'argomento scelto per celebrare i trent'anni è il viaggio. Viaggio come scoperta, viaggio come dialogo, viaggio come contaminazione, viaggio come guarigione.

Del resto la Maratona è partita tanto tempo fa e non si è mai fermata, in un viaggio continuo alla ricerca del bello, della condivisione di un patrimonio unico come quello delle Dolomiti. Patrimonio che va sempre più rispettato, tutelato, protetto e salvaguardato.

La diretta televisiva

Il sodalizio fra RAITRE e la Maratona si conferma una volta di più con riprese televisive anche aeree che iniziano alle ore 6.15 e continuano ininterrotte fino alle 12.00. Anche Sky Sport e Bikechannel UK sono presenti all'evento dando quel tocco di internazionalità.

Una maglia speciale, quest'anno anche per lei

Come di consueto, anche per la 30° edizione Castelli, una delle aziende più rinomate nel panorama mondiale dell'abbigliamento ciclistico, ha creato una maglia ad hoc per tutti i partecipanti, e per la prima volta in assoluto la maglia è anche in versione femminile per soddisfare anche le cicliste donne, ormai sempre più numerose.

Riccardo Guasco interpreta la Maratona

Una delle iniziative che riguardano i trent'anni della Maratona ha il sapore fresco della pittura. Pittura d'artista, s'intende. Riccardo Guasco, illustratore di fama internazionale, sta raffigurando la Maratona con il suo stile unico. Sul sito, prima della corsa, saranno pubblicate tutte le informazioni relative al suo lavoro.

Il binomio Giro-Maratona, un'occasione per scoprire la bellezza del pedalare su strade meravigliose

Il ciclismo su strada è in espansione ovunque e le Dolomiti sono il terreno ideale per vivere nel modo migliore questo sport unico. Il binomio Giro-Maratona va proprio in questa direzione: far scoprire la bellezza del pedalare su queste strade meravigliose. In particolare, il successo crescente della Maratona ha effetti benefici non solo per l'Alta Badia, ma per tutto il comprensorio dolomitico. È l'occasione per dare risalto a tutte le valli che si affacciano su queste montagne meravigliose e che fanno parte del Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Con i parchi naturali di Fanes-Sennes-Braies e Puez-Odle, con i passi che hanno fatto la storia del ciclismo mondiale, con le centinaia di chilometri di sentieri da percorrere in estate e il comprensorio Dolomiti Superski in inverno queste terre sono la meta ideale per trascorrere giornate indimenticabili nel bel mezzo della natura.

Senza dimenticare la proverbiale ospitalità ladina, fatta di tradizioni antiche, cucina di altissimo livello, cordialità diffusa e un modo di vivere e interpretare la montagna con sobrietà e gentilezza.

Ovviamente non c'è solo la bici su strada a rendere spettacolare una vacanza in Dolomite: mountain bike, freeride e touring fanno ormai parte integrante del vocabolario delle attività sportive in montagna. Di recente è nato in Alta badia il servizio E-bike sharing: bici elettroniche di ultima generazione dislocate nei vari paesi e sull'altipiano e a disposizione di chiunque voglia provare l'ebrezza di scalare i passi dolomitici senza troppo faticare e senza inquinare.

Infine è doveroso ricordare il Sellaronda Bike Day, l'appuntamento che si tiene due volte l'anno - una domenica a metà giugno e una domenica a metà settembre - in cui è possibile pedalare intorno ai passi dolomitici del gruppo del Sella su strade chiuse al traffico e riservate esclusivamente ai ciclisti.

Tutti i dettagli sulla Maratona dles Dolomites 2016 sul sito www.maratona.it.

SCOPRI DI PIÙ