VINCITORE DEL VIDEO CONTEST, INTERVISTA ANDREA ECCEL

Mi chiamo Andrea Eccel e sono un videomaker professionista al 20%.
La passione per i video l'ho ereditata da mio padre e da mio zio che, ancora adolescenti, producevano esilaranti cortometraggi in bianconero. Da piccolo li guardavo divertito sulle ginocchia del nonno e sognavo un giorno di poterli fare anch'io. Poi la mia vita ha preso una strada diversa e sono diventato un professionista in campo informatico. Questo non mi ha però fatto scordare i sogni di bambino. Così, dopo un periodo di studi, ho realizzato il mio sogno ed ora il 20% del mio fatturato deriva da questa attività. In questa splendida passione sono supportato da Arianna Pedrotti, che prima ancora di essere la mia socia, è una carissima (e tanto paziente) amica.

COME NASCE IL VIDEO

I concorsi che nascono da realtà come ZOOPPA permettono di dare sfogo alla creatività.
Sebbene ci siano delle linee guida da seguire, sei libero di viaggiare con la fantasia e creare la tua storia. Video aziendali, di eventi o matrimoni non ti possono dare questo tipo di soddisfazione. Per questo siamo andati a cercare qualcuno che volesse sentirsi raccontare una storia. E sulla nostra strada abbiamo trovato il concorso Moviment Alta-Badia di ZOOPPA. La scelta di abbinare degli alieni a dei paesaggi montani era così assurda che abbiamo pensato potesse essere buona. Siamo felici di aver avuto ragione.

PRODUZIONE DEL VIDEO

Il video è stato registrato in 2 giorni. Il primo giorno in studio, il secondo sulla neve.
L'astronave è stata totalmente realizzata al computer mentre maschera e costume sono stati creati su misura da professionisti del settore.
Avendo una sola maschera a disposizione, tutte le scene sono state registrate in chromakey e gli attori sono stati sovrapposti in fase di montaggio. Questo ha richiesto uno sforzo maggiore sia durante le riprese che in fase di montaggio.
La produzione di questo video ha richiesto una troupe di 7 persone, tutte motivate da grande passione più che da facili guadagni.

SCOPRI DI PIÙ