MENU
AUGURI DI BUON NATALE

IL CONSORZIO SKICAROSELLO CORVARA VI AUGURA BUON NATALE

Il Consorzio Skicarosello Corvara si è unito ad Impresa Buona per realizzare il progetto di Arteterapia dell'Istituto Serafico di Assisi, dimostrando il suo interesse per la creatività, come motore dell'espressività del singolo, dell'innovazione e del miglioramento.

Per questo Natale il Consorzio Skicarosello Corvara ha deciso di regalare un sorriso ai bambini dell'Istituto Serafico di Assisi, devolvendo 8,00€ per ogni cartolina di Natale spedita.
Auguri di Natale inviati: 375

Grazie all'arteterapia, i bambini del Serafico imparano a conoscere la realtà e a interpretarla attraverso le più diverse tecniche artistiche. Ma, soprattutto, hanno la possibilità di esprimere sé stessi.


LE ATTIVITÀ
Le attività seguono un programma settimanale suddiviso tra lezioni individuali e lezioni in piccoli gruppi, a seconda dei bisogni e delle possibilità dei singoli.
Per ogni ragazzo viene pianificato un percorso educativo e riabilitativo con specifiche attività e obiettivi da raggiungere. L'operatore segue tutti i processi, attraverso la costruzione di un rapporto personale di fiducia con il bambino, una strategia educativa che passa attraverso la rassicurazione, la gratificazione, piccoli premi e naturalmente l'affetto.

I BENEFICI DELL'ARTETERAPIA
Le attività pittoriche e artistiche portano a una serie di benefici psicofisici, motori ed emozionali. Migliorano l'orientamento all'interno degli spazi, l'autonomia, la coordinazione, la relazione con gli altri.
Offrono sensazioni sensoriali differenziate e maturano le capacità espressive di osservazione, manipolazione, di comunicazione. Tanti piccoli passi ogni giorno, aumentano l'autostima dei nostri ragazzi, e gli permettono di immergersi e partecipare alla realtà in maniera più consapevole.

GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO
L'arte rende possibile "vedere" ed "esprimere" molto più di quello che le parole possono fare. Essa incorpora idee, sentimenti, sogni, aspirazioni; narra e veicola un'ampia gamma di emozioni. In tal senso l'arte serve come mezzo di comprensione, di attribuzione di senso al fine di chiarire esperienze interiori senza parole, che spesso sono insufficienti o mancano del tutto in questi pazienti.

Lo spazio

I nostri spazi riservati ai lavori di Arteterapia sono 3:
Ogni stanza è capiente e luminosa, con caratteristiche specifiche che permettono ai bimbi di distinguerle in maniera facile e autonoma. Il materiale per ogni singola attività è organizzato in diversi armadi dotati di indicatori per il riconoscimento tattile.

Il laboratorio grafico pittorico, dedicato al disegno e alla pittura con diverse tecniche e con diversi strumenti anche adattati per persone con gravi disabilità.

Il laboratorio di ceramica, dove si realizzano piccoli oggetti attraverso la manipolazione dell'argilla.

Il laboratorio artigianale, riservato alla costruzione di oggetti realizzati con materiali diversi (sughero, feltro, carta riciclata etc)

IL RACCONTO DI UN'ESPERIENZA

GIUSEPPE E LA SUA ARTE

Fin dalla prima seduta di arteterapia Giuseppe appare molto incuriosito dal nuovo ambiente; esplora attentamente i materiali presenti, si attiva spontaneamente verso di essi, li tocca, Tutto sta nel proporre diverse tecniche alla sua attenzione e accompagnarlo nella loro scoperta e nei diversi tipi di utilizzo (tempere, acquarelli, colori a olio) allo scopo di individuare i suoi mezzi espressivi preferenziali. Accetta volentieri la collaborazione ma appare ancora rigido e controllato, allora gli si propongono una serie di attività che favoriscano la perdita di controllo: rovesciare, spruzzare, pestare, accartocciare, strappare, imbrattare fogli enormi posti a terra e a parete immergendo grandi pennelli nei secchi di colore a tempera e schizzando i supporti.
Con queste attività, dall'inibizione iniziale a poco a poco si libera e si attiva sempre più autonomamente dimostrando grande entusiasmo. Spontaneamente poi comincia a riprendere i pastelli ad olio e disegna le prime forme concrete: due grandi occhi con ciglia lunghissime di colore azzurro. Appare molto soddisfatto del suo operato. Da questo momento eseguirà una serie lunghissima di disegni che avranno come soggetto gli occhi e la loro trasformazione in sole-stelle-mani-volto-albero-persona.
Andando avanti nel tempo Giuseppe ha alternato momenti di assoluta dipendenza dagli educatori ad altri di totale autonomia, acquisita grazie al percorso attuato.